Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Conferenza di Mariarosaria Gianninoto: “I manuali cinesi di mancese di epoca Qing: un esempio di grammatica cinese ‘estesa'”

Marzo 30 @ 12:30 - 14:30

I manuali cinesi di mancese di epoca Qing: un esempio di grammatica cinese “estesa”

Mariarosaria Gianninoto (Università Paul Valéry di Montpellier)

 

Giovedì 30 marzo 2023, ore 12.30
Università degli Studi di Milano, Polo MIC, Aula T4
Modera Bettina Mottura

La dinastia Qing vede lo sviluppo di una ricca produzione di manuali bilingui cinese-mancese, elaborati per rispondere alle esigenze di un impero multilingue (Takekoshi 2014, 2015; Söderblom Saarela 2020). Il mancese era una delle lingue ufficiali dell’impero cinese e il suo uso rispondeva alle esigenze istituzionali e identitarie dei governanti Qing. In questi manuali bilingui la terminologia e le categorie linguistiche cinesi sono utilizzate per descrivere il mancese, una lingua altaica, di tipo agglutinante, tipologicamente molto diversa alle lingue sinitiche (Beffa & Even 2011). Queste differenze tipologiche hanno implicato diverse forme di adattamento delle categorie descrittive elaborate nell’ambito dalla filologia cinese, come sottolineato da Takekoshi (2014, 2019). La manualistica sino-mancese si presenta quindi come un esempio di “grammatica estesa” (Auroux 1992, 1994; Aussant 2017), e in particolare di “grammatica cinese estesa”, particolarmente interessante nella storia della linguistica cinese, in cui gli studi grammaticali sono stati per lungo tempo marginali (Peyraube 2001, Pellin 2009). Occorre peraltro sottolineare che questa manualistica sarà ampiamente ripresa nelle grammatiche occidentali di mancese elaborate nel corso dell’Ottocento. Se le prime grammatiche del mancese in lingue occidentali si basano sulle categorie della tradizione greco-latina (per esempio Verbiest 1682), parte della produzione successiva mescola categorie e modelli delle due tradizioni, cinese e occidentale (Gianninoto 2022). Questa conferenza prende in esame i principali manuali cinesi di mancese di epoca Qing, analizzando il ricorso a categorie e termini linguistici cinesi nella descrizione di una lingua agglutinante, quindi le loro traduzioni nelle grammatiche occidentali ottocentesche, sottolineando l’ibridazione di categorie e modelli descrittivi che caratterizza questa produzione.

Dottore di ricerca dell’Università orientale di Napoli e titolare di una Habilitation à diriger des recherches dell’École des hautes études en sciences sociales (EHESS, Parigi), Mariarosaria Gianninoto è attualmente professore ordinario di lingua e linguistica cinese all’Università Paul Valéry di Montpellier. Le sue ricerche vertono sulla storia della linguistica cinese e sulla circolazione dei saperi linguistici fra l’Europa e la Cina.

L’incontro è organizzato dal Contemporary Asia Research Centre (CARC) e dall’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano, in collaborazione con il Dipartimento di Lingue, Letterature, Culture e Mediazioni dell’Università degli Studi di Milano.

Dettagli

Data:
Marzo 30
Ora:
12:30 - 14:30

Organizzatori

Contemporary Asia Research Centre (CARC)
Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano

Luogo

Polo di Mediazione e comunicazione interculturale, Università degli Studi di Milano
Piazza Montanelli, 1
Sesto San Giovanni (MI),
+ Google Maps